L’estrazione del sale

salina

Parliamo ai bambini delle saline e dell’estrazione del sale. Spieghiamo che anche l’acqua del mare è una soluzione. Nelle saline si fa evaporare l’acqua del mare e si ottiene il sale. Famose sono le saline di Trapani in Sicilia, ma non solo: si produce sale anche in Puglia, in Emilia-Romagna, in Sardegna, ecc.

Una curiosità: nell’antica Roma, gli schiavi venivano pagati con il sale. Da questa usanza deriva la parola italiana “salario”, con riferimento al pagamento in sale delle ore di lavoro effettuate nella giornata.

Ora proviamo a realizzare in classe una semplice esperienza per verificare direttamente che cosa accade nelle saline.

  1. Prendiamo una soluzione salina (acqua e sale) e mettiamola in un contenitore abbastanza largo;
  2. poniamola vicino ad una fonte di calore, quale un termosifone, ad esempio, per qualche giorno;
  3. con il passare del tempo l’acqua tende a scomparire, mentre sul fondo iniziano a depositarsi dei cristalli di sale;
  4. quando nel contenitore è rimasto solo il sale in scaglie mettiamole in un mortaio, utilizzando il pestello riotteniamo lo stesso sale di partenza della soluzione.

Terminata l’esperienza, concludiamo che le sostanze che nelle soluzioni  non si vedono più continuano a essere presenti , ma in forma non più visibile. Quella che si verifica nelle soluzioni è una trasformazione chimica reversibile.

OBIETTIVO: CONOSCERE TECNICHE STORICHE DI PRODUZIONE ALIMENTARE

CLASSE TERZA

I commenti sono chiusi